Có dè Lách - Sito Ratatue

Vai ai contenuti

Menu principale:

Có dè Lách

Canzoni La Bià del Tép

Per questa leggenda esistono diverse versioni   tra le quali è stato difficile scegliere. Il nucleo centrale delle   diverse versioni si può riassumere nel binomio bene/male   rappresentato dalla condizione delle due donne: cattiva una,   generosa l’altra.
In questa versione c’è un  particolare   accanimento nei confronti del figlio della brutta rappresentato come   capriccioso, brutto come un verme, tale descrizione negativa serve a   “giustificare” la sua morte.
Una licenza è stato il finale dove si   attribuisce la presenza del Lago Moro alla volontà del vecchio con   il bastone che permette la fuga di chi lo ha aiutato e lascia morire   la donna avara con il figlioletto.


Al ghìa ‘na piàna hùra Dàrf
tàcc i fiùr èrba e pràcc
cahtagnécc clìdù e roécc
i udìlì i cantàå contécc.

Al ghìa dói cà dè contadì
ìa dù fredèi lauradùr
chè i hìa hpudàcc ‘n quàcc àgn prìma
con dói fómne forehtére.

Come ogni bèla bòta
al hücederà argóta
èl “dehtìno” l’è ‘n“aguàto”
e ‘l farà cambià chèl pràt.

Ma l’è ‘n bèl pràt ma ‘n gràn bèl pràt.

La prìma fómna l’ìa ‘n gràn bèla
l’ìa himpàtica e hincéra,
coragiùda e generùda
hèmper alégra e premurùda.

La hegónda l’ìa n gràn brüta
antipàtica e bohgiàdra,
tracagnòta e hporcaciùna
tacabrìghe e ‘nvidiùda.

E la bòta ché la càmbia
la tè fà capì già argót
tè partèget pèr la bèla
pèr la brüta gnànche ‘n pó.

Gh’è hè amò ‘l pràt che l’è ‘n bèl pràt.

La hpùda bèla la ghìa ‘n pì
chè l’ìa pròpe ‘n gràn hpetàcol
bèl paciòto biànch e róh
chè’l grignàa hèmper contét.

Pò a la brüta la ghìa ‘n pì
chè l’ìa brüt cóme ‘l pecàt
biànch hcarnàt e didimbrì
e chè fét chè fói ‘l piandìa.

E la bòta la hè càmbia
piö ‘n và ‘n àcc e piö ‘n pegiùra
gó la pèl chè hè ‘ncapùna
pèr la brüta la ède düra.

Ghè hè amò ‘l pràt chè l’è ‘n bèl pràt.

An bèl dé al pàha dè lé
an veciòto cól barbù
al caminàa con al bahtù
l’ìa poarèt, famàt e htüf

al ghè domànda a chèla brüta
dè mangià per mìa murì
lé ‘l  la mànda e chèl paéh
con parolàhe e bahtunàde.

La fahènda la h’è ‘ngrópa
l’è ‘l prinhìpe dè la fì
pèr la brüta bahtunéra
la hè meterà dó màl.

Ghè hè amò ‘l pràt chè l’è ‘n bèl pràt

Al và alùra dè la bèla
la ‘l fà nà dét an cà
ghè prepàra con amùr
de biì e de màngià.

Chèla brüta pèr dihpèt
la èt al pì de chèla bèla
‘n de la cüna hótå ‘l pórtech
e la pènha de copàl

La fahènda la hè ‘n fiàma
che l’è dré a partì ‘l bèl pì
chèla brüta bahtunéra
la ghè brànca ‘l culinghì

Ghè manca ‘l fiàt ma ghè amò ‘l pràt.

Al veciòto có la bàrba
al capìh la hituasciù
al vàrda fò de la finèhtra
e ‘l pìca ‘n tèra al hò bahtù

Al trèma tüta la montàgna
e chèl pràt al diènta ‘n büh
e la fómna bahtunéra la móla
‘l còl de chèl bèl pì.

Ma hcampàt ‘n’a tragédia
èn hè hènt an pó htrimìcc
gràscie al vècio có la bàrba
al bèl pì l’è htàt halvàt.

L’è nàt al pràt l’è nàt al fé
l’è nàt al pràt ma ‘l ghè ‘n bèl büh.

Al veciòto có la bàrba
al ghè dìh a chèla bèla
brànca tüt chèl chè tè ghé
e và vià de la tò cà.

Le ‘l là hcùlta hènha dì
come mai, perché per come
e la pàrt de la hò cà
con a hpàle èl hò bèl pì.

Al càmbia ‘l tép hùra chèl büh
i hè ‘ntàmba i animài
al rìa nìgoi ‘n gràn rabbiùh
el vé dó àiva a muntù.

L’è nàt al pràt ghè Có de Làch
l’è nàt al pràt ghè Có de Làch

La fómna brüta cól hò pì
è rehtàcc an dè la büda
tüta l’àiva i’à quarciàcc
ma ogni tàt i vé a hìma.

Quàn che’l vé la medanòt
‘n dèle nòcc dé lüna piéna
hè hènt amò crìdà chèl pì
hè èt la cüna dó n’dèl làch.

Chèhta bòta l’è finìda
e la g’à la hò moràl
èn dó ghèra ‘n gràn bèl pràt
per al vècio cól bàrbù

G Có de Làch ghè Có de Làc
ghè Có de Làch ghè Có de Làc
C’era una piana sopra Darfo
piena di fiori, erba e   prati
castagneti, mirtilli e rovi
gli uccellini cantavano felici

C’erano due case di contadini,
erano due fratelli lavoratori
che s’erano sposati qualche anno prima
con due donne forestiere

Come ogni bella storia
succederà qualcosa
il destino è in agguato
e farà cambiare quel prato

Ma è un bel prato, ma un gran bel prato

La prima donna era molto bella,
simpatica e sincera,
coraggiosa, generosa,
sempre allegra e premurosa

La seconda era molto brutta,
antipatica e bugiarda
tozza, sudicia,
litigiosa ed invidiosa

E la storia che cambia,
ti fa già capire qualcosa,
si   parteggia per la bella
e non per quella brutta.

C’è ancora il prato che è un bel prato

La moglie bella aveva un figlio
che era proprio uno spettacolo,
bello, paffuto, bianco e rosso
che rideva sempre contento.

Anche la brutta aveva un figlio
che era brutto come il peccato,
pallido, smilzo ed esile
che piangeva continuamente

E la storia sta cambiando,
più va avanti e più peggiora,
mi viene la pelle d'oca,
per la brutta la vedo difficile

C’è ancora il prato che è un bel prato

Un giorno passava di lì
un anziano con la barba,
camminava con   il bastone,
era povero, affamato e stanco,

Chiede alla brutta
da mangiare per non morire
e lei lo manda a quel paese
con parolacce e bastonate.

La situazione si ingarbuglia,
è l’inizio della fine
per la brutta "bastonatrice"
si metterà male

C’è ancora il prato che è un bel prato

L’anziano si reca dalla bella,
che lo accoglie in   casa
gli offre amorevolmente
da bere e da mangiare

Quella brutta per dispetto
vede il figlio della bella
nella   culla sotto il portico
e pensa di ammazzarlo

La situazione si infiamma
ed il bel bambino sta rischiando la   vita
La brutta "bastonatrice"
lo prende per il collo

Gli manca il fiato, ma c’è ancora il prato

Il vecchiotto con la barba
intuisce il pericolo
guarda fuori dalla finestra
e batte in terra il proprio bastone

Trema tutta la montagna
e quel prato diventa un buco
e la donna "bastonatrice"
lascia il collo del bel bimbo

Abbiamo evitato una tragedia
e ci sentiamo molto scossi,
grazie al vecchio con la barba
il bel bimbo è stato salvato

Non esiste più il prato, non c’è più il fieno
Non esiste più il prato ma c’è un bel buco

Il vecchiotto con la barba
dice alla moglie bella
prendi tutto ciò che hai
e vattene da casa tua

Lei lo ascolta senza
fare domande
e parte dalla sua casa
con il suo bel figlio sulle spalle

Cambia il tempo sopra quel buco
e si rintanano gli animali
arrivano nuvole molto minacciose
e scende molta pioggia

Non esiste più il prato c’è Capo di Lago
Non esiste più il prato c’è Capo di Lago

La moglie brutta col proprio figlio
sono rimasti nella buca,
tutta l’acqua li ha ricoperti,
ma ogni tanto ritornano a   galla

Quando arriva mezzanotte,
nelle notti di luna piena,
si sente ancora piangere quel bambino
e si vede la sua culla dentro   il lago

Questa storia è finita
ed ha la sua morale
dove c’era un gran bel prato
per il vecchio con il barbone

C’è Capo di Lago, c’è Capo di Lago
c’è Capo di Lago, c’è Capo di Lago
Per news ed eventi visita
la Nostra pagina Facebook
Torna ai contenuti | Torna al menu