La fèhtå dei cuhcrìcc - Sito Ratatue

Vai ai contenuti

Menu principale:

La fèhtå dei cuhcrìcc

Canzoni La Bià del Tép
Una descrizione della festa dei coscritti vista in tono scherzoso. Utilizzo di parole “forti”, alternanza di espressioni dialettali e in italiano. Una festa che può sembrare d’altri tempi, ma attuale per atteggiamenti.

E’ questa   sera la gran sera
son tutto   ‘mprofumàt
o fàt la   bàrba e hó laàt
mi sono   messo le tiràche
chèle chè   hberlüh
e mè hó   fàt al ciüff.

Giacå de   pèl pò mète ‘l capèl
al piede   ci metto èl htialèt
un   gilerino di vellutino
che fa   pandàn col faholèt.

Poi   partirò con el muturì
e   l’aria fresca sentirò sopra ‘l mohtàh
terrò   il cappello con la mia mano
e   stupirò arrivando con la moto a htròh.

E le   cuhcrìte son già lì
che fanno   andar la làpå
tüte a la   móda dal pè a la cràpå
con   spacchi e decoltè
e tàch de   htà mìa ‘n pé
ròbå de   trà vià ‘l fiàt.

E   Giacomino col muturì
impenna e   travolge un vàh dè fiùr
Giovanni   ride Giacom hè ncàhå
al vùzå e   ‘l ghè piànta ‘n hganahù.

È   cominciata bene
la   nostra festa durerà fino a domani
noi   balleremo e canteremo,
e a le   bohète poi misureremo il fondo.

E le   cuhcrìte indispettite
accortesi   di noi
le dìh   “che fate stupidi“
e’ meglio   entrare al ristorante
prìmå dé   fàh màl
mèi chè   nà a l’ohpedàl.

Tutti   seduti, ‘na gran maiàda
con   barzellete e buon umor
vinello a   fiumi, tòch dè formài
halàm,   balàde e dó  grapì.

Tanghi, mazurche e valzer
cha   cha poi samba
che ‘l   mè fùmå el htialèt
roventi lenti dè palpå ciàpe
bella   la festa dei cuhcrìcc!

A   mezzanotte c’è Maféo
tra le   braccia di Morfeo
Chèco che   ‘l béga col wc
e Paolino   il sapientino
l’ha già   rumpìt a hé
Giàcom   chè péda i póm

Mario chè   ’l vùda Giàni chè ’l pómpå
hèmbra   chè brào ghè hàe apéna lü
e lé   cuhcrìte già ‘n pó hturdìde
le tàca a   molà ‘n pó fò i vihtìcc.

Árda   ché bèle fónne le nostre donne
staran   qui fino a domani
fino a   che canta il gallo
che   arriva l’alba
noi   non usciremo fuori.

Ma ai tré   bòcc le nòhe fónne
è già   ndàde a durmì
e a noi è   rimasto il muturì
e chèl   del ristorante
al tàca a   netàfo
l’è ùra   dè nà a cà.

Metto la   giàcå sulla tiràca
e brànche   con fórha el muturì
un’accelerata e son sulla strada
che mi   riporta alla madù.

Sono   partito col muturì
c’è   l’aria fresca che mi picchia sul mohtàh
tengo   il cappello con la mia mano
e sto   arrivando a casa con la moto a htròh.

È   cominciata bene
ma è   già finita la fehtå dei cuhcrìcc
sono   arrivato a casa
è già   finita la fehtå dei cuhcrìcc!
Per news ed eventi visita
la Nostra pagina Facebook
Torna ai contenuti | Torna al menu