Dàga dè béer al bàrba - Sito Ratatue

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dàga dè béer al bàrba

Canzoni La Bià del Tép
La canzone è composta interamente da frasi fatte che, unite, creano un brano con protagonista il Bàrba.
Spesso il termine era usato per citare gli zii e/o antenati, “i noh bàrbé”, “al bàrba Giacom”, oppure personaggi barbuti o particolari. Nella canzone il personaggio è serioso, burbero, testardo, ma di compagnia, sottomesso alla moglie e fondamentalmente timido. Un personaggio che in ogni paese non manca mai.


Dàga dè béer al bàrba
chè ‘l gà la làpa lóngå
e   quàn chè ‘l hègna ‘l tép
al pìha amò ‘n dèl lèt.

Dàga dè béer al bàrba
chè l’è fò come l’Ói
al büta vià ‘l capèl
 pò ‘l màngia ‘l pà pintìt.

Ai   ai ai …. el bàrba
céra dè fàn amò
e mai pentìh
hè  l’àlhå ‘n pó ‘l gombèt
gnè hàncc gnè madóne
al völ hpartì le càvre
con tücc i hò parécc!

Ai   ai ai …. el bàrba
quàn chè ‘l cànta lü
pò ‘l càmbia ‘l tép
róh come ‘n pondór
hgiùf come ‘n pulù
ròba de campàne
chè hùna a martèl.

Dìga negót al bàrba
chè ‘l gà la cràpa dürå
‘l gà dét la hegadürå
al cét gnà ca copàl.

Dì mai negòt al bàrba
hè ‘l ghè hùna le orège
tè ghè ne dó di lìber
tè pìca zó ‘l turù.

Ai ai ai …. ma bàrba
la fómna ta hcürtàt el camìdi
la héra a l’ohterìa
tè ùdet come ‘n àden
ma dòpo con Marìa
tè hé ‘n bèl agnìlì.

Ai ai ai …. ma bàrba
l’è mèi htà ché cói hòci a l’ohterìa
hunàde bèle cürte
biìde bèle lónghe
hervìcc e rierìcc
fò ‘l dét é fò ‘l dulùr.

Dàga dè béer al bàrba
hè ‘l gà la bócå hècå
‘l tè brànca per la giàca
o per la pèl del cül.

Ai ai ai …. ma bàrba
tè ghé hèmper la tò   dè dìga a tücc
àrdet dó deànti
dal hòch al vé le htèle
fà mìa girà le bàle
e pènhå ‘n pó pèr té! (Rip.)
Dai da bere al “barba”
che ha la lingua lunga
e quando segna il tempo
fa la pipì a letto

Dai da bere al “barba”
che è fuori come l’Oglio
Scialacqua e poi si pente


Ai Ai Ai  il “barba”
faccia da combinarne,
senza  mai pentirsi
Se alza un po’ il gomito
non esistono Santi né Madonne
vuole separarsi
da tutti i suoi parenti.

Ai Ai Ai  il “barba”
quando canta lui
poi cambia il tempo
rosso come un pomodoro,
gonfio come un tacchino
roba da campane
che suonano a martello.

Non dire nulla al “Barba”
che ha la testa dura
ha dentro segatura
non cede neanche ad ammazzarlo

Non dire mai niente al “barba”
se gli fischiano   le orecchie
non gli vai più a genio
e ti mette il muso

Ai Ai Ai  ma “barba”
la moglie ti ha messo ai ferri corti
la sera all’osteria,
urli come un asino
ma dopo con Maria
sei un agnellino.

Ai Ai Ai  ma “barba”
è meglio stare con gli amici all’osteria
suonate corte
bevute lunghe
serviti e riveriti
fuori il dente e fuori il dolore.

Dai da bere al “barba”
se ha la gola secca
ti prende per la giacca
o per la pelle del sedere

Ai ai ai …. ma “barba”
hai sempre la tua da dire a tutti
ma guarda te stesso
dal ceppo derivano le stelle
non far girare le palle
e pensa un pó per te! (Rip.)
Per news ed eventi visita
la Nostra pagina Facebook
Torna ai contenuti | Torna al menu