La baláda del binadér - Sito Ratatue

Vai ai contenuti

Menu principale:

La baláda del binadér

Canzoni La Bià del Tép
In un documentario sul trasporto dei tronchi sul fiume Giallo in Cina venivano illustrati i pericoli e le difficoltà di questo lavoro. Casualmente ho letto che in Vallecamonica c’erano squadre che svolgevano la stessa attività partendo da Esine e scendendo lungo il fiume Oglio fino a Lovere. Il viaggio durava circa quattro ore su queste cataste formate da tronchi legati (bine). Il binadér, a piedi scalzi e pantaloni accorciati, sfidava l’irruenza del fiume ed il freddo guidando con una pertica. Spesso errori o disattenzioni avevano esiti fatali e questa attività era considerata lavoro da disperati. Dal libro di Ameraldi sembra che l’attività abbia avuto fine verso il 1850. Rimane comunque doveroso il ricordo di questi coraggiosi “binàder” cui è dovuto il progresso economico e civile della Valle.


Mè ciàme Mario Bóra
e ‘l mé mehtér l’è l’ binadér
laurà chè pöl fà apéna i dihperàcc
tè rìhcet la codèga
per quàter munidì
al fó per dàga de maià ai mé hcitì.

RIT:      o… o… él binadér

Lé hotå ‘l pùt dè Éden
prepàre la mé bìna
mè gìre ‘ndré  e àrde ‘l mé paéh
mè fó coràgio e pàrte
con an bèl hègn dè crùh
ancö l’Oi l’è gròh e piö perigulùh.

RIT.

Chè frèt chè’l fà ché hùra
l’è düra htà a pè nücc
hó apéna ché a Montècc, già mèh laàt
‘n hìma a tatå lègna
hbarbèle come ‘n pì
chè botép a htà daànti al mé camì.  

RIT.

Ché l’è negàt el Giàcom
l’è mèi penhàgå mìå
amò ‘n urèta e rié a dehtinasciù
htà atènto Mariulì
al fiüm l’è traditùr
hè tè hbàgliet tè ritùrnet dal creatùr.

RIT.

Quàn chè ède ‘l làch d’Izé
l’è hèmper ‘n emusciù
e hó riàt a Lùer anche ‘n cö
quàte ùre dè fadìga
e hènte  piö gnè ‘l frèt
domà ‘n hè tùrna déter
fàga chè!

RIT.
Mi   chiamo Mario Bora
il mio mestiere è il “binadér”
lavoro che fanno solo i disperati
rischi la vita
per quattro monetine
lo faccio per sfamare i miei bambini

RIT:      o… o… él binadér

Lì   sotto il ponte di Esine
preparo la mia “bìna”
mi volto e guardo il mio paese
mi faccio coraggio e parto
con un bel segno di croce
oggi l’Oglio è grosso e più pericoloso.

RIT.

Che   freddo che fa qua sopra
È dura a stare a piedi scalzi
sono solo a Montecchio, già mezzo bagnato
sopra a tutta questa legna
tremo come un bambino
che bello stare davanti al mio camino.

RIT.

Qua   è annegato Giacomo
è meglio non pensarci
ancora un’ora e sarò a destinazione
sta attento Mariolino
il fiume è traditore
e se ti sbagli ritorni dal creatore.

RIT.

Quando   vedo il lago d’Iseo
è sempre un’emozione
sono arrivato a Lovere anche oggi
quante ore di fatica
e non sento nemmeno più il freddo
domani sarà ancora la stessa storia …
cosa posso farci!

RIT.
Per news ed eventi visita
la Nostra pagina Facebook
Torna ai contenuti | Torna al menu