Hán Péder hüch - Sito Ratatue

Vai ai contenuti

Menu principale:

Hán Péder hüch

Canzoni La Bià del Tép
Ho letto una versione simile dove però la   protagonista è donna. Il dubbio è sull’origine del nome della chiesa   ed addirittura del Santo, Pietro apostolo o altro. Nella canzone,   per non dilungarsi, è stata scelta parte della versione di Lino   Ertani dove si dice che era un altro San Pietro morto per   decapitazione. Lo studioso aggiunge che potrebbe essere comunque San   Pietro Apostolo, ma non ho tenuto in considerazione questa ipotesi.


Hó la htràda chè da Bièn
la pórta ‘n vèrh a Bré
ghè ‘na céda de balòcc
hóta la htàtua del Cristo Re
l’è ‘na céda ‘ntitolàda
a Hàn Péder, Hàn Péder Hüch
l’è ‘n gràn bèla e picinìna
e la gà dù finihtrì.

Chì chè hcùlta i hè domànda
chì chè l’ìa Hàn Péder Hüch
l’ìa ‘n grànt òm dientàt Hànt
ma hè hà mìa dè ‘n dó chè l’ìa
hè hà apéna chè l’ìa mòrt
perché i gà taiàt vià ‘l có
e alùra i là ciamàt
Hàn Péder ma chèl Hüch.

Hàn Péder Hüch
la tò céza la gà dù finihtrì
Hàn Péder Hüch
e dè déter al lüh dù bèi lümì.

L’éra invèrno è ‘l fàa ‘n gràn frèt
al ghéra néf e ‘l ghéra giàh
e daànti a chèla céda
al pàha ‘n òm chè nàå ‘n vèrh Bré
al portàa hó lé hò hpale
an bahtù con dù hedèi
pié de nùh de fa hchihà
pèr fa öle dè chèl bù.

Pròpe deànti a chèla céda
de Hàn Péder ma chè hüch
hó ‘l hentér an gran pendènhå
al hè fa póra chè l’omahì
al hè domànda come ‘l farà,
come ‘l farà ‘n dèl turnà ‘ndré
a htà ‘n pé hó chèla giàh
con chè l’öle ‘n di hedèi.

Hàn Péder Hüch
la tò céza la gà dù finihtrì
Hàn Péder Hüch
e dè déter al lüh dù bèi lümì.

Al hè gìra ‘nvèrh la céda
dè Hàn Péder chè l’omahì
ghè hcàpa l’öcc hól lampadì
chèl lüdìa hól finihtrì
al parìa i öcc del Hànt
chè i la ardàå con compasciù
e chè l’òm al hè ‘n denöcia
a pregà con deusciù:

- Mé tè préghe càr Hàn Péder
hó ‘n gràn póer omahì
fó anche mé i mé pecàcc
ma gó mai fàt màl a nügü
hè tè mè àidet a rehtà ‘n pé
tè ‘mpromète d’empinìt
cól mé öle 'l tò lampadì
chè 'l continuerà a lüdì -.

Hàn Péder Hüch
hó dàgå ‘na ma a chè l’omahì
Hàn Péder Hüch
chè pò al tè ‘mpinìh al lampadì.

Quàn chè ’l tùrna ‘ndré dé Bré
al pàhå dó pèr al hentér
al mèt i pè hùra la giàh
i hüpèi è bé tacàcc
ma deànti al finihtrì
al fa ‘l fürbo l’omahì
al ghè dìh “Hàn Péder Hüch
rànget té cól tò lümì”.

Al hè gìra hudihfàt
con a hpàle i hò hedèi
al viàgia ormai con deciziù
al pìca i pè con i hüpèi
al pèta fò ‘na gràn grignàda
el hè dìh a bàhå ùh
car  Hàn Péder  tè ló fàdå
al mé öle ‘l tègne mé!

Hàn Péder Hüch
ma àrdå chè fürbo l’omahì
Hàn Péder Hüch
tè tóca rangiàt cól lampadì.

Ma l’ mèt al pè hùra dèl giàh
hènha gnànche nencurdìh
al ghè pàrt al hò hüpèl
al fà ‘n aria ‘n bèl pirlèt
al pìcå ‘n tèra ‘n bacadù
el hè ribàlta i dù hedèi
adèh l’öle dèle nùh
l’è hguaràt per al hentér.

Al léa ‘n pé chè l’ omahì
ghè fa màl i uhidì
al hè gìra ‘n vèrh la céda
al vàrda drìt a chèl lümì
al ghè ùda fò a  Hàn Péder
“Ma chè tói mai fàt dè màl
tè hé pròpe permalùh
hét hügür dè èher Hànt ? ”

Hàn Péder Hüch
tè lé pròpe ciocàda a l’omahì
Hàn Péder Hüch
chè l’ öle l’è nàt hól hintirì. (Rip.)
Sulla strada che da Bienno
porta a Breno
c’è una Chiesa di sassi
sotto la statua del Cristo Re
è una Chiesa intitolata
a Hàn Péder Hüch,
è proprio bella e piccolina
e ha due finestrini

Chi ascolta si sta chiedendo
chi fosse   Hàn Péder Hüch
era un grand’uomo diventato santo,
ma non si sa di dov'era
si sa solamente che è morto
perché gli hanno tagliato la testa
ed allora l’hanno chiamato
San Pietro ma quello mozzato

Hàn Péder Hüch
la tua chiesa ha due finestrini
Hàn Péder Hüch
e dentro ardono due bei lumini.

Era inverno e faceva un gran freddo,
c’era neve e c’era ghiaccio
e davanti a quella Chiesa
passa un uomo che va a Breno
portava sulle spalle
un bastone con due secchi
pieni di noci da schiacciare
per farne un olio molto buono.

Proprio davanti a quella Chiesa
di San Pietro decapitato
sul sentiero in gran pendenza
si fa paura a quell'ometto
si chiede come potrà fare,
come potrà fare nel ritorno
a rimanere in piedi su quel ghiaccio
con l’olio nei secchi.

Hàn Péder Hüch
la tua chiesa ha due finestrini
Hàn Péder Hüch
e dentro ardono due bei lumini.

Si volge alla Chiesa
di San Pietro quell’ometto
e gli cade l'occhio sul lumino
che ardeva sul finestrino
sembravano gli occhi del Santo,
che lo guardavano con compassione
e quell'uomo si inginocchia
a pregare con devozione:

- Io ti prego caro San Pietro
sono un povero ometto
faccio qualche peccato,
ma non ho mai fatto male a nessuno,
se mi aiuti a rimanere in piedi
ti prometto di riempire
con il mio olio il tuo lume,
che continuerà ad illuminare.

Hàn Péder Hüch
dai una mano a quell’ometto
Hàn Péder Hüch
che poi ti riempie il lume

Quando torna da Breno
scende dal sentiero
appoggia il piede sul ghiaccio,
gli zoccoli rimangono saldi,
ma davanti al finestrino
fa un po’ il furbo l’omino
e dice “Hàn Péder Hüch
arrangiati, con il tuo lumino”

Si gira soddisfatto
con i suoi secchi a spalle
viaggia ormai con decisione
e picchia i piedi con gli zoccoli
emette una grossa risata
e si dice a bassa voce:
“Caro San Pietro ti ho giocato
il mio olio me lo tengo.

Hàn Péder Hüch,
ma guarda che furbo l’ometto
Hàn Péder Hüch
devi arrangiarti con il tuo lume.

Ma appoggia il piede sul   ghiaccio
senza accorgersene
lo zoccolo scivola
si leva da terra e fa una bella capriola,
batte in terra molto forte
e rovescia i due secchi
adesso l’olio delle
noci è sparso sul sentiero

Si rialza l’ometto
gli fanno male gli ossicini
si gira verso la Chiesa
e guarda dritto a quel lumino
urla a San Pietro
“Ma che t’ho fatto di male,
sei proprio permaloso,
sei sicuro di essere Santo?"

Hàn Péder Hüch ,
hai punito quell’ometto
Hàn Péder Hüch
l’olio è finito sul sentiero. (Rip.)
Per news ed eventi visita
la Nostra pagina Facebook
Torna ai contenuti | Torna al menu